SAN MAURO Prosegue il campionato della discontinuità biancorossa, tra alti e bassi, che però non consentono di sbloccarsi definitivamente, lasciando solo intuire le potenzialità del gruppo. Come avvenuto a Savigliano i sanmauresi giocano con grinta a tratti, ma sono in chiara difficoltà a sostenere una battaglia prolungata palla su palla. I biancorossi approfittano di un Malnate decisamente ingolfato in avvio, giocando con determinazione e mettendo in deciso affanno un avversario apparentemente disorientato e sicuramente falloso. La cosiddetta “fase di studio” si esaurisce prima del decimo punto, quando il Sant’Anna realizza un break pesante firmato Vajra, Bosio e Gunetto che vale il +7 (da 9-8 a 16-9). Malnate non riesce a trovare le contromisure, incappando in ben 11 errori punto e i padroni di casa cavalcano attentamente l’onda fino al conclusivo 25-13. I varesini però non demordono e continuano a puntare su una pallavolo estremamente solida e paziente, difendendo su ogni lato del campo e contrattaccando con precisione. Ne esce un secondo set combattuto dove il Sant’Anna tiene testa agli ospiti con tenacia senza apparentemente soffrire una vicenda giocata punto su punto. Qualcosa però s‘inceppa di colpo sul 14-15, quando Ferrario inizia a carburare e stacca lo Yaka di 4 lunghezze (15-19). Gunetto cerca di rispondere firmando il provvisorio -3 (16-19), ma è lo stesso Ferrario a chiudere il set e procurare l’1-1 con una serie di servizi che la ricezione del Sant’Anna non riesce a gestire. Dal terzo set la pressione ospite inizia a portare frutti alla squadra di coach Mattiroli, col Sant’Anna che si stacca da 6-6 a 6-10, scivolando fino a 11-17. Le certezze ospiti però non paiono troppo solide quando i sanmauresi con una fiammata d’orgoglio ricuciono con determinazione il divario fino al 17-19 con due attacchi di Mosso e con Robazza a lavorare contro il muro ospite. Le distanze di fatto si annullavano sul 19-20 in seguito a due errori varesini (Croci e Ferrario). Ai biancorossi sfuggiva però l’aggancio e Malnate ne approfittava subito portandosi 1-2 su servizio di Daverio e qualche imprecisione di troppo dall’altra parte della rete. Nel quarto predominava la sfiducia tra le fila dei padroni di casa, che capitolavano fin troppo rapidamente da 4-5 a 7-14, fino a un insormontabile 9-19.

IL TABELLINO

SANT’ANNA TOMCAR 1
YAKA VOLLEY MALNATE 3
(25-13; 16-25; 19-25; 17-25)

Arbitri: Vaschetto, Trinchero
SANT’ANNA: Mosso 7, Bosio 8, Giraudo 6, Vajra 4, Robazza 9, Gunetto 9, Tanga (L); Stupenengo 1, Sangermano 1, Tamburro n.e., Di Martino n.e., Pagano n.e., Gecchele (L2) n.e., Fumagalli 1. All. Usai-Mesturini
MALNATE: Guizzardi 1, Ferrario 19, Croci 10, Rinaldi 10, Bollini 12, Daverio 13, Caletti (L); Botta, Calo, Abou (L2), Gasparini n.e. All. Mattiroli