SAN MAURO Arriva con un po’ di ritardo e dopo un primo set decisamente frenato la matematica salvezza del Sant’Anna, che sul 2-1 in rimonta mette a terra la palla del 25-14, che leva un gigantesco peso psicologico dalle spalle di tutto il gruppo sanmaurese, schiacciato nelle ultime settimane dall’urgenza di staccare definitivamente la concorrenza di Saronno. Urgenza che ha giocato un brutto scherzo ai biancorossi nel set d’avvio, rallentando i riflessi della squadra di casa a partire dal 9-9 dopo un inizio equilibrato. Savigliano ne approfittava per allungare impietosamente 9-12 e 12-17, mentre il Sant’Anna faticava ad arginare le iniziative di Salomone, Ghibaudo e Parusso. Solo Vajra e Fumagalli mostravano sufficiente continuità nel mettere palla a terra. I punti di distanza diventano anche 7 sul 13-20, poi i biancorossi iniziano a limare il distacco, ma si fermano sul 20-23, quando Savigliano chiude sfruttando due errori in attacco dei padroni di casa per chiudere 20-25. Le incertezze proseguivano anche fino a metà del secondo set quando un attacco largo sanmaurese prima e un ace di Parusso successivamente portavano i biancoblu ospiti sul 7-11 e sull’8-13. Sorrentino riavvicinava i biancorossi 12-15, che chiudevano quasi del tutto il buco sul 16-17, pareggiando i conti con un ace di Carlevaris sul 18-18 e aprendo una fase nuova del set e della partita. Le scorie e le titubanze del set d’avvio tornavano a riaffacciarsi sul 21-23, ma la serie al servizio di Fumagalli (che chiudeva con un ace per il 25-23) riappaiava nel conto set il Sant’Anna che poteva rilanciarsi ritrovando lucidità per affrontare i parziali seguenti. Vedendo il traguardo a un passo i sanmauresi si caricavano finalmente e, sfruttando le rotazioni avversarie in un classico match di fine stagione, riuscivano ad allungare con decisione piazzando un parziale di 5-0 che portava il punteggio da 3-4 a 8-4 su servizio di Sorrentino e buona efficienza di Fumagalli in prima linea, sorretto dal muro di Gunetto che firmava il +4. La salvezza diventava sempre più vicina quando Vajra realizzava dai 9m il +9 (19-10). Un ace di Giraudo allargava il distacco a +11 (24-13) un attimo prima del decisivo 25-14 che permetteva di festeggiare la permanenza in B senza passare da pur probabili ripescaggi. Nel quarto parziale vi era spazio per far giocare tutti in un clima ormai da ultima ora di anno scolastico in attesa della campanella definitiva. Il Sant’Anna ribaltava l’iniziale 1-3 in 5-3, poi da 7-4 veniva recuperata 7-7. Vajra dalla linea di battuta firmava il +5 (13-8), Mura metteva a segno l’ace del 19-13. Nel finale esordio in B per Scollo che entrava nel tabellino realizzando anche il punto del 23-17, poco prima del 25-18, che vale i 3 punti (che permettono di scavalcare anche Genova e terminare al 10° posto) mandando tutti in vacanza fino ad agosto.

IL TABELLINO

SANT’ANNA TOMCAR 3
GERBAUDO SAVIGLIANO 1
(20-25; 25-23; 25-14; 25-18)
Arbitri: Fichera, Ferrari
SANT’ANNA: Mosso, Fumagalli 18, Giraudo 10, Vajra 14, Sorrentino 9, Ciavarella 3, Pagano (L); Scollo 1, Mura 1, Gunetto 5, Salvatico 2, Tanga (L2), Carlevaris 3. All. Simeon, Colombo
SAVIGLIANO: Vittone 1, Ghibaudo 16, Parusso 4, Ghio 8, Salomone 16, Bossolasco 9, Giraudo (L); Maccagno 4, Calandri, Longhi 3, Dho. All. Bonifetto.