NOVI LIGURE Dopo la vittoria al tiebreak del turno precedente con Garlasco, il Sant’Anna batte in un colpo solo Novi e la classica “tremarella da terzo set” che più volte ha fatto inciampare i biancorossi questa stagione, uscendo dalla zona rossa e staccando Saronno di tre punti a tre giornate dalla fine della stagione. Nulla è ancora deciso in chiave salvezza e bisogna tenere alta la concentrazione a cominciare dal prossimo turno interno con un PVL (venerdì, in anticipo al PalaBurgo) ancora in lotta con Caronno per il secondo posto, ma di certo l’orizzonte è più sereno rispetto a qualche settimana fa. Per due set i biancorossi riescono a controllare con efficacia il gioco dei “pirati” di casa, fortemente condizionati, va detto, da infortuni e assenze di vario genere a cominciare da Moro, proseguendo con Corrozzatto (un cameo solo nel terzo set), Guido (partito dalla panchina ma obbligato all’ingresso dopo soli 3 punti) e Quaglieri. All’elenco si aggiunge dopo 5’ di partita anche Scarrone (rilevato da Guido) messo ko da una pallonata al pollice. Con assoluto cinismo i biancorossi (che non possono assolutamente fare sconti) sfruttano il momento favorevole per spezzare rapidamente l’iniziale e fragile equilibrio, puntando sui muri di Ciavarella e Sangermano (7 combinati su 13 di squadra) e sugli attacchi di Sorrentino (che chiuderà col 54% di palle a terra). Su servizio di Fumagalli arriva il primo strappo deciso all’interno di un parziale di 2-9 che porta gli ospiti da 4-4 a 6-13. Novi fatica a trovare equilibrio in campo e il Sant’Anna porta il margine a +9 (9-18) mettendo a segno ben 5 muri in questa fase. Gli ospiti però vogliono iniziare a controllare il finale troppo presto e lasciano aperto uno spiraglio, nel quale i novesi s’insinuano con Guido, Romagnano e Belzer fino al -4 (17-21). Ciavarella prima spegne le ambizioni di recupero biancoblu sul 17-22, poi chiude a muro su Bettucchi per il definitivo 18-25. I padroni di casa cercano l’immediato riscatto provando a sfruttare il recupero del finale del primo set per dare una spinta alla propria risalita. Su errore in attacco dei biancorossi Novi firma il 4-1, margine mantenuto anche sul 7-4 di Guido. Senza farsi prendere dall’affanno i biancorossi recuperano con 3 punti consecutivi di Sorrentino (uno su attacco e due su servizio) fino al 7-7. L’incertezza è presto risolta da Ciavarella prima (9-11) e Sorrentino dopo (14-18). Novi riesce ancora ad agganciarsi a quota 11 con due attacchi di Bettucchi, ma scivola indietro anche di 6 punti sul 15-21. Sangermano, Vajra e Mosso chiudono per lo 0-2 sanmaurese. Il terzo parziale è un condensato di tutte le incertezze, disattenzioni e ingenuità sanmauresi, ma per una volta il Sant’Anna riesce a gestire le proprie ansie ed evitare un pericolosissimo finale dagli esiti quantomai incerti. Con l’innesto di Corrozzatto in regia Novi guadagna in fluidità, ma è il Sant’Anna a conquistare il break sul 4-7 con Sangermano. I biancoblu risalgono prontamente con muro di Belzer. La partita entra nella sua prima e autentica fase di equilibrio dall’inizio. Il distacco tra le formazioni non supera mai i due punti (Fumagalli per l’11-13, poi risponde Zappavigna sul 16-14), fino al 20-22 di Vajra dai 9m. Uno sbandamento biancorosso in vista del traguardo riporta sopra i novesi (23-22). Qua inizia una partita nella partita col Sant’Anna impegnato a scacciare fantasmi e Novi a conquistare quel set che varrebbe ossigeno in vista di una volata finale. Servono 4 match point ai biancorossi (annullando agli avversari 5 palle set) per risolvere l’enigma grazie a un servizio di Fumagalli che scivola a fondo campo dopo una ricezione difettosa di Bassanese e conquistare la prima vittoria da tre punti del girone di ritorno.

IL TABELLINO

NOVI PALLAVOLO 0
SANT’ANNA TOMCAR 3
(18-25; 17-25; 31-33)
Arbitri: Vaschetto, Poetto
NOVI: Prato, Bettucchi 6, Belzer 5, Zappavigna 7, Romagnano 12, Scarrone, Bassanese (L); Volpara 5, Semino n.e., Quaglieri n.e., Corrozzatto, Moro n.e., Guido 7, Capettini n.e., Repetto n.e. All. Quagliozzi.
SANT’ANNA: Mosso 1, Fumagalli 16, Sangermano 8, Vajra 11, Sorrentino 15, Ciavarella 15, Pagano (L); Giraudo n.e., Mura n.e., Gunetto n.e., Salvatico, Tanga (L2) n.e., Carlevaris. All. Simeon, Colombo