SAVIGLIANO Occasione sprecata per il Sant’Anna che non riesce ad approfittare delle numerose assenze di un Savigliano per forza di cose rimaneggiato a causa degli infortuni di Vittone, Perla e Salomone. I biancoblu dopo un avvio titubante hanno il merito di non abbattersi e ritrovare un gioco senza sbavature nel quale le responsabilità maggiori ricadono sulle spalle di Ghibaudo e Bossolasco, aiutati dal muro e dai servizi di Parusso. Gli ospiti confermano le ormai accertate titubanze di questa parte di stagione e una evidente mancanza di serenità quando si tratta di chiudere i conti. Troppi i 22 errori punto in due soli set e un bilancio al servizio insoddisfacente (5 punti e 7 errori). Simeon in avvio punta sulla voglia di riscatto di Mosso in regia (anche in qualità di ex biancoblu, avendo vestito la maglia di Savigliano nella passata stagione). I biancorossi affrontano l’inizio di partita con la necessaria sicurezza, guidati da Vajra, Fumagalli e Giraudo allargando man mano il margine da 2-4 a 3-6 fino al +6 sul 7-13. Le certezze sanmauresi iniziano pericolosamente a vacillare sui servizi di Lorenzo Giraudo, complici le infrazioni di Mosso (doppia in palleggio) e Sorrentino (invasione). Savigliano recupera fino a 12-13, fermato provvidenzialmente da Vajra al momento dell’aggancio, che arriva a distanza di pochi scambi sul 16-16, sorpassando con Parusso a muro (17-16). Ghibaudo ribalta l’inerzia sul 23-20, portando i padroni di casa vicini all’1-0. Un muro di Sorrentino e un servizio di Mosso riportano in partita gli ospiti, aprendo un testa a testa che vede il Sant’Anna disporre di un set point sul 24-25, annullato dai biancoblu. Sul 25-25 decisivi due attacchi out, prima di Ciavarella e poi di Vajra per il definitivo 27-25. Gli ospiti nel secondo set non si fanno abbattere dagli errori e ripartono motivati a dare battaglia per restare in partita. L’avvio del parziale è in fotocopia al precedente: Ciavarella e Vajra più un errore in attacco dei padroni di casa segnano il primo break (2-5), seguito dal +6 di Fumagalli (3-9). Ghibaudo con un ace riavvicina Savigliano (11-13), che impatta a 14, ma Mosso in battuta firma il nuovo +3 (14-17). Un muro di Giraudo avvicina i sanmauresi all’1-1 (17-23), che arriva su errore in attacco di Ghibaudo. (20-25). I padroni di casa si assestano con più attenzione in campo dal terzo set, lottando palla su palla e tenendo in equilibrio il punteggio a lungo, con scarsi scostamenti da entrambe le parti. Un ace di Bossolasco porta Savigliano 13-10. Il Sant’Anna risponde risalendo e sorpassando gli avversari sul 17-18, ma non ha la determinazione per allungare, venendo staccato 22-19 da un muro di Bossolasco. Il 2-1 arriva su servizio di Ghibaudo (25-21). Nel quarto i biancorossi non riescono ad accennare una reazione convincente, risultando visibilmente abbattuti, nonostante le mosse di Simeon (Carlevaris in regia già dal terzo parziale e Salvatico all’ala in un ruolo inedito), ma Savigliano dilaga da 5-4 a 17-8. La risposta del Sant’Anna è parziale e tardiva e il set termina 25-16.

IL TABELLINO

GERBAUDO SAVIGLIANO 3
SANT’ANNA TOMCAR 1
(27-25; 20-25; 25-21; 25-16)
Arbitri: Pezzi, Roncati
SAVIGLIANO: Calandri 2, Ghibaudo 26, Parusso 6, Bossolasco 15, L.Giraudo 5, Rabbia (L); Maccagno, Perla n.e., Salomone n.e., Polizzi n.e., Costa n.e., Druetto(L2) n.e. All. Bonifetto.
SANT’ANNA: Mosso 3, Fumagalli 13, Giraudo 8, Vajra 14, Sorrentino 6, Ciavarella 13, Pagano (L); Mura 1, Gunetto, Salvatico 4, Carlevaris 2. All. Simeon, Colombo