SAN MAURO Un avvio grintoso, riuscendo a tener testa a una delle candidate alla lotta playoff, un secondo set clamorosamente ciccato sul piano dell’atteggiamento e della concentrazione, il terzo in parte diretta conseguenza del precedente e un quarto parziale con Cuneo che prova a dare il colpo del Ko sull’1-5 mettendo nell’angolo il Sant’Anna. Questo lo scenario che i sanmauresi hanno saputo ribaltare con pazienza e determinazione alzando il livello dell’impegno e collaborazione in difesa, fino al 3-2 conclusivo. Primo set che si sviluppa su strappi successivi, sempre ricuciti, fino a quello decisivo dei padroni di casa. S’inizia col Sant’Anna a spingersi 3-0 e attacco di Ciavarella. Risponde Cuneo per il 4-4 con Galaverna. Sempre Galaverna (su servizio di Perla) porta avanti gli ospiti 7-10. Robazza dai 9m timbra il +3 (18-15), ma non è ancora il momento buono. Vajra prima trova l’opposizione a muro di Perla e poi manca il campo di poco ed è di nuovo parità (18-18). Lo scatto buono arriva con Graziana che picchia per tre volte in campo avversario fino al 22-19. I biancoblu questa volta non hanno tempo per rimediare e Fumagalli firma l’1-0. Un inatteso blackout sanmaurese agevola la prevedibile risposta di Cuneo che affronta col giusto approccio il secondo parziale. Nel campo biancorosso si palesa un curioso senso di disorientamento che si trasforma in infrazioni di ogni specie e porta gli ospiti a un parziale di 0-6 su servizio di Perla e al -7 sul 3-10. Il tentativo di recupero è disordinato e riesce solo a dilatare i margini fino al 9-20 coi cuneesi in controllo completo del gioco. Un accenno di risposta di squadra si vede nel finale ma è utile solo a riaggiustare il punteggio per renderlo meno severo. Il terzo si gioca su un impercettibile equilibrio, nel quale gli ospiti riescono però a far valere la fiducia accumulata nel parziale precedente, in particolare quando danno lo strattone che decide nei fatti il set portando a 6 i punti di vantaggio della formazione di Serniotti (da 14-14 a 14-20). I sanmauresi rientrano con Vajra e Fumagalli (20-21). La battuta di Bernardi sul 21-22 manca purtroppo di precisione e Cuneo ne approfitta per chiudere 21-25. La ricezione discontinua dei padroni di casa su servizio di Cefaratti segna l’avvio di quarto set (1-5). I sanmauresi non si danno però per vinti, rilanciano e risalgono arrivando al sorpasso sul 10-9 spinti da Robazza prima e infine da Vajra.  Riconquistata fiducia nel proprio gioco il Sant’Anna nel finale gira l’inerzia della partita con tre punti consecutivi di Graziana che portano i padroni di casa 23-19 e mettono al sicuro almeno un punto in classifica. Coscione che aveva trovato nelle pipe di Galaverna un eccellente sistema per realizzare punti, vede la copertura biancorossa assorbire meglio la novità e disinnescare via via il pericolo. Nel tiebreak le certezze cuneesi iniziano a calare quando il Sant’Anna si fa trovare pronto a difendere su ogni pallone e rigiocare con puntualità per il primo allungo sul 6-4 a firma Robazza. Vajra mette a terra il +3 (8-5) e poco dopo Vittone, Fumagalli e Graziana portano a 5 i punti di distacco dei padroni di casa (13-8). Galaverna cerca il recupero in extremis forzando dai 9m ma il recupero cuneese si ferma sul 13-11 firmato L.Vittone. Un’invasione a rete mette fine alla partita e fissa il risultato sul 15-12 e 3-2 Sant’Anna premiando il carattere di tutta la squadra di coach Simeon.

 

IL TABELLINO

SANT’ANNA TOMCAR 3

UBI BANCA CUNEO 2

(25-22; 15-25; 21-25; 25-21; 15-12)

Arbitri: Alessandro Laurita, David Kronaj

SANT’ANNA TOMCAR: Vittone 4, Fumagalli 17, Vajra 11, Giraudo 12, Ciavarella 4, Graziana 19, Pagano (L); Bernardi 2, Sangermano, Mura 1, Carlevaris, Robazza 5, Tanga (L2).All. Simeon, Colombo

CUNEO: Coscione 1, Ariaudo 15, Perla 11, Cefaratti 11, Vittone 17, Galaverna 26, Rivan (L); Brignone n.e., Distort n.e, Armando (L2), Dho n.e., Gamba 1, Tomatis All. Serniotti